Risparmio carburante: 4 regole per ottenerlo

Pompe carburante nel rack del distributore

L’aumento dei costi del carburante è un tema attualissimo. Il passaggio ad auto elettriche o a metano e GPL è una soluzione per ridurre drasticamente i consumi e i costi di gestione dell’automobile. Ma se non puoi cambiare auto, puoi seguire qualche semplice regola per risparmiare. Regole che valgono anche per chi già possiede un’auto diesel.

Prima regola: mantieni un’andatura costante

Un'Alfa 8C Competizione sui tornanti in montagnaMetti da parte ogni velleità sportiva, per privilegiare una guida fluida e rilassata. Questo tipo di marcia è molto gradito dai propulsori: le parti meccaniche della tua vettura non dovranno sopportare eccessive sollecitazioni, come brusche accelerazioni e frenate, che alla lunga possono inficiare lo stato di salute del motore.
Un esempio pratico? Se vedi a distanza un semaforo verde, che con tutta probabilità diventerà rosso al tuo passaggio, non accelerare, ma rallenta di modo da non consumare inutilmente carburante. Inoltre, se la tua auto è dotata di cruise control, in autostrada e su percorsi extraurbani affidati a questo utile dispositivo: l’auto viaggerà a velocità costante e ai regimi giusti.

Nei tratti urbani, sarà una gestione ottimale dei cambi di marcia e del regime del motore durante le soste a farti risparmiare carburante. Ciascuna marcia ha una frequenza ottimale di giri: se il numero di giri aumenta troppo, anche i consumi salgono, perché la vettura va sotto sforzo e viene immesso e bruciato più carburante. Durante le soste brevi su una strada trafficata, non smettere completamente di dare gas, in modo che il numero di giri del motore resti basso in fase di ripartenza.

Seconda regola: monta i pneumatici giusti e controllali regolarmente

cambio gommeSe hai scelto le gomme anti resistenza al rotolamento, il veicolo sarà più efficiente e consumerà meno. Ad esempio, abbassando del 12% la resistenza al rotolamento, una vettura in media risparmia il 2% di carburante.

Anche una pressione insufficiente dei pneumatici determina un aumento dei consumi. Il pneumatico, infatti, si deforma, e quindi aumenta la superficie di attrito con la strada, la resistenza al rollio e di conseguenza il consumo complessivo di energia.
Altri elementi esterni, oltre all’usura, incidono sui livelli ottimali della pressione: un repentino cambio di altitudine, un carico elevato, sbalzi termici dovuti alle condizioni climatiche.
Per tutte queste ragioni, se vuoi risparmiare sul carburante, fai controllare le gomme ogni 5.000 km circa se viaggi poco, una volta al mese se usi la tua vettura spesso.
Il controllo va effettuato preferibilmente in officina, affinché un meccanico specializzato possa valutare altre situazioni a rischio, come l’usura dei cerchi, o la presenza di lesioni, bolle o tagli profondi.

Terza regola: non trascurare la manutenzione ordinaria

Controllo dell'asticella dell'olioIl controllo dei penumatici è solo un aspetto della manutenzione ordinaria. Se vuoi risparmiare ed evitare spese straordinarie, devi curare molti altri aspetti della manutenzione. Fra questi, la convergenza e l’equilibrio delle ruote, che in seguito all’uso prolungato si possono usurare in modo non uniforme, provocando un peso asimmetrico e un disallineamento che influiscono negativamente sull’efficienza del mezzo.
Assicurati, inoltre, di avere l’impianto luci pulito e completamente funzionante in tutte le sue componenti. Vedere bene è fondamentale per mantenere l’andatura costante e garantire sicurezza in guida.
Infine, è fondamentale la revisione della vettura. Le auto non revisionate, o che non hanno effettuato nei giusti tempi il tagliando auto, sono molto meno efficienti e producono più inquinamento.

Quarta regola: usa il climatizzatore solo quando serve

Comando aria condizionataSottrae potenza al motore e quindi fa consumare più carburante. Se vuoi risparmiare, perciò, usalo solo quando è strettamente necessario.
Accertati, inoltre, che il climatizzatore sia sempre in perfette condizioni e che i filtri siano efficienti al 100%, in maniera tale da ottimizzare il suo funzionamento a beneficio dell’economia totale della vettura.
E ricorda: viaggiare con i finestrini aperti non è un’alternativa, poiché si creerebbero vortici d’aria che frenerebbero il veicolo.

Emanuele Minardi

Tagliandofacile.it

Scroll Up