Bollo auto: che cosa è, quando pagarlo e come

Pagare il bollo auto è una delle scadenze dell’automobilista, come la revisione. Si tratta anche in questo caso di un obbligo di legge, ma vediamo perché, come e quando rispettarlo.

Tassa sul possesso, non sulla circolazione

Si sa che bisogna pagarlo, ma molte altre informazioni sul bollo auto sfuggono alla maggior parte degli automobilisti. Non ultima, il fatto che è un obbligo pagarlo entro determinate scadenze. Ma che cosa è esattamente? Un tempo veniva definito “bollo di circolazione”, non è una tassa sulla circolazione, e dunque grava sulle nostre tasche anche se lasciamo l’auto sempre ferma. Si tratta di una tassa regionale sul possesso di un’automobile, la cui entità varia a seconda del tipo di macchina, in particolare della sua potenza e dell’impatto ambientale. Pagheranno dunque di più le auto vecchie, quelle più inquinanti, e quelle più grandi e con il motore più performante.

Scadenze, importo, esenzioni e sanzioni

La legge ha poi previsto riduzioni sostanziose sul bollo auto – anche queste variabili da regione a regione – per alcune categorie di veicoli: quelli adibiti al trasporto di disabili o le auto e le moto d’epoca con più di 30 anni; i mezzi green, come quelli alimentati a Gpl o a metano, gli ibridi o gli elettrici. Anche in questi ultimi casi, l’esenzione dal pagamento del bollo auto è totale o parziale a seconda della Regione in cui ci troviamo (per info http://www.aci.it/i-servizi/servizi-online/bollo-auto.html), va dal 75 al 100 per cento. In alcuni casi, è totale ma solo per i primi cinque anni dopo l’immatricolazione.

Bollo auto: che cosa è e come pagarlo

Quando, perché e come pagare il bollo auto.

Il Bollo va pagato ogni anno. La scadenza è entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza. Ma quali sono le sanzioni? Dipende dal ritardo: se passano solo 14 giorni dalla scadenza, si paga lo 0,2 per cento in più per ogni giorno di ritardo; fra il 15esimo e il 30esimo giorno, si paga il 3 per cento per ogni giorno di ritardo, più la quota di interessi pari all’1% annuo; oltre il 30esimo giorno e fino a un anno dalla scadenza, si paga il 3,75 per cento più gli interessi. Oltre all’anno la multa sarà del 30 per cento della quota originaria, più gli interessi.

Dove e come pagare il bollo?

Esistono diversi modi: il tradizionale ufficio postale, le tabaccherie convenzionate con banca ITB o Lottomatica, o nelle sedi Aci; presso gli sportelli bancomat, oppure online, attraverso il servizio Bollonet di Aci o i servizi privati di internet banking del proprio conto corrente. Esistono inoltre diversi servizi di promemoria che ci ricordano della scadenza del bollo auto, messi a disposizione dalle singole regioni: note di cortesia cartacee, o avvisi elettronici da attivare tramite iscrizione al sito internet.

 

Scroll Up