Tagliando Auto: quando farlo e quanto costa.

Una buona manutenzione dell’auto comincia sempre dal tagliando. Ma che cosa significa di preciso fare il tagliando dell’auto? Ve lo spieghiamo qui di seguito, cercando di sfatare falsi miti e luoghi comuni.

Cosa è il tagliando auto:

La manutenzione di ogni automobile comincia da un controllo periodico di tutte le componenti soggette a deterioramento. A seconda dello stato di usura, e seguendo le indicazioni della casa costruttrice, alcuni dei pezzi verranno sostituiti. Gli scopi sono due: mantenere l’auto in salute il più a lungo possibile, e garantire la sicurezza di passeggeri e guidatori.

Il primo falso mito, dunque, è che per fare il tagliando auto basti sostituire il filtro dell’olio e cambiare l’olio. L’officina che prende in carico il tagliando di un’auto deve innanzitutto controllare i chilometri percorsi e la data di immatricolazione. Questi dati andranno incrociati con quelli messi a disposizione sul mercato dalla casa auto, contenuti in specifiche banche dati. In genere il tagliando auto si esegue ogni 15/20mila km, o in alternativa ogni 12 mesi. Per alcuni veicoli esiste il programma “long life”, che prevede un intervallo di 24 mesi o 30mila km.

Spia del tagliando accesa sul cruscotto

Spia del tagliando accesa sul cruscotto: è tempo di andare in officina!

E’ vero però che alcune sostituzioni sono più frequenti di altre: fin dal primo tagliando si cambiano olio, filtro dell’olio, filtro dell’aria e dell’abitacolo per le auto a benzina, più il filtro gasolio per le auto diesel, componente, quest’ultimo che di solito si cambia ogni due tagliandi o in base ai km di percorrenza indicati dalla casa auto. Il secondo e il terzo tagliando sono di solito più approfonditi e possono prevedere la sostituzione di altre componenti.

Ad ogni tagliando poi va controllata la pressione dei pneumatici, lo stato di usura dei freni, le sospensioni, il funzionamento delle luci esterne, il livello dei liquidi, eventuali perdite del motore. Ulteriori controlli sono previsti per particolari modelli di auto dalle case costruttrici. In alcuni casi è una centralina che, posta a bordo dell’auto, segnala quando fare il tagliando, cambiare le pastiglie o altro.

Dove fare il tagliando?

meccanico-convergenzaFino ad alcuni anni fa il tagliando era una prerogativa delle autofficine autorizzate dalla casa produttrice. Solo presso queste officine, infatti, era possibile, fino al 2002, usufruire della garanzia di 24 mesi del produttore. A partire dall’entrata in vigore del Regolamento CE 1400/2002, oggi Regolamento (UE) N. 461/2010, conosciuto anche come “Decreto Monti” (dal nome dell’allora commissario europeo), è possibile rivolgersi a un’officina indipendente.

Da quel momento, infatti, anche queste officine hanno potuto avere accesso alle banche dati delle case costruttrici. Per essere in grado di effettuare tagliandi senza far decadere la garanzia del produttore, inoltre, un’officina indipendente deve essere dotata di strumentazioni per la diagnosi, per azzerare i service (le spie che segnalano la necessità di effettuare il tagliando), deve utilizzare ricambi originali o omologati, rilasciare apposita fattura o ricevuta, rispettare gli intervalli di manutenzione prescritti dalla casa auto.

Se stai cercando un autoriparatore certificato, professionale e trasparente RiparaSicuro.it è il sito che fa te. Scopri tutte le ragioni per cui questo portale è diverso da tutti gli altri cliccando su questo link.

Quanto costa il tagliando auto?

Il prezzo varia a seconda dell’uso di due parametri:

  1. La tariffa oraria di mano d’opera, quasi sempre più alta presso le autofficine autorizzate. Attenzione ai prezzi forfettari presenti sui conti di meccanici multimarca. I tempari di manutenzione sono stabiliti dalle case auto e dai produttori dei ricambi.

  2. I ricambi: se non omologati fanno decadere la garanzia del veicolo, possono arrecare seri danni al veicolo, o compromettere la sicurezza. Ma pochi automobilisti possono rendersi veramente conto se il meccanico sta usando pezzi originali e applicando i prezzi giusti. Per questo è raccomandabile farsi rilasciare un preventivo prima dell’intervento, e una fattura alla fine dei lavori con i codici dei ricambi utilizzati e una lista dettagliata dei lavori eseguiti. Senza di questa, diventa difficile o addirittura impossibile poter far valere la garanzia sull’intervento.

Per tutte le auto fuori garanzia, è molto importante continuare ad effettuare la manutenzione programmata ed eseguire i tagliandi con la giusta scadenza. Ricordate infine di conservare sempre tutte le fatture degli interventi, al fine di avere una cronologia degli interventi eseguiti sul veicolo e per poter dimostrare che avete trattato bene la vostra auto ad un possibile acquirente futuro.

 

Emanuele Minardi
(www.tagliandofacile.com)

Scroll Up